artists by surname
artists by country
galleries by name
Bookmark setzen

russian english french deutsch portuguese italian spanish 
Menüsprache wählen / choose your interface language





Erweiterte Suche
Registrierte Benutzer

Benutzername:

Passwort:

Beim nächsten Besuch automatisch anmelden?


» Password vergessen
» Registrierung

» Kontakt
» TOP 100
» News
» Unsere Unterstützer
» Impressum
» Datenschutzerklärung neu
» Bundesländer/Länder
» Künstlerliste
» Galerien / galleries
» Alle Kommentare
» Zufallskunstwerke!

Zufallsbild




Werbung:



Partner / Service

artfolio.de das neue Knstler - und Kunstportal

27.03.2023, 22:18



Kontrollzentrum
Profil von: lorenzo.antognetti Alle Bilder von lorenzo.antognetti anzeigen
Vorname: Antognetti
Name: Lorenzo
Emailadresse: lorenzo.antognetti at gmail.com
Homepage: http://en.artoffer.com/Lorenzo-Antognetti/Gallery/
Land: Italy
Registriert seit: 23.04.2003
Zuletzt aktiv: 22.03.2023 22:27
Kommentare 3


Vita:
Artista Lorenzo Antognetti

Curriculum professionale

MOSTRE E PREMI
L'artista in questo sito vuol mostrare la sua ventennale produzione artistica. Ispirata dai grandi Maestri ..in questi ultimi anni la sua pittura 'veristica' ,si basa su profondi studi su tutta la struttura dell'opera: dalla sezione aurea, alla cromaticità del colore, dall'equilibrio delle forme....all'armonia generale dell'opera. Creare un'opera è paragonabile alla nascita di una opera musicale ,dove il direttore d'orchestra mette a punto ogni singola nota proveniente da strumenti diversi e li armonizza in modo' sbalorditivo' ..così questo vale anche per le opere pittoriche ...ogni elemento è fondamentale per l'esito finale dell'opera ; a questo punto ognuno può usufruire dell'energia che essa emana, quasi misticamente. Ma sappiamo perfettamente che questo è frutto di una tenace ricerca ,sia esso un prodotto figurativo o non ,quando questi elementi sono presenti tutto suona come la voce di eccelso cantante...come la musica va ascoltata e riascoltata per assaporarne il 'gusto' ,così anche la pittura va 'ascolta' e gustata profondamente ,Lorenzo vi augura con tutto il cuore che ognuno possa esprimersi con un mezzo (es. la pittura, la musica...)e riesca a dare il meglio di se ,liberandosi dalle' paure' di non riuscire a realizzare le proprie idee o sogni. L'importante è essere felici per quello che stiamo facendo ora senza rimpianti...e dirci ogni volta ricomincio da adesso.
Lorenzo Antognetti, nato a Morro D'Alba, in provincia d’Ancona-Italia, il 18/07/1955. Si è diplomato al liceo Artistico Paul Klee'' a Genova e ha conseguito il diploma d’Accademia di Belle Arti con il massimo dei voti, presso l'accademia Ligustica di Belle Arti a Genova.
Ha collaborato con artisti liguri d’alta professionalità tra cui Raimondo Sirotti, Aurelio Caminati , Mario Chianese e altri non solo liguri da cui ha tratto insegnamenti preziosi. Ha approfondito le sue conoscenze artistiche dei grandi Maestri del passato, studiando i loro lavori, e visitato molti musei e gallerie italiane e straniere. Ha letto trattati e lettere d’artisti; nel suo recente passato ha conosciuto un grande artista contemporaneo veramente eclettico per la sua professionalità, e per le sue conoscenze culturali e artistiche (W.Tode)
In questo periodo queste conoscenze e queste esperienze stanno portando l'artista ad una maturazione artistica e aperta, con molto desiderio di ricerca ed esperienze nuove.
Studio :
Via T. Tasso,4
60044 Fabriano (AN)
ITALIA
E-mail: lorenzo.antognetti@gmail.com

Siti internet:
https://www.instagram.com/antognetti.lorenzo/
https://www.facebook.com/ANTOGNETTI.LORENZO/
https://www.artmajeur.com/antognetti
https://www.artoffer.com/Lorenzo-Antognetti/Galerie/
https://www.artgalerie-europa.de/
http://www.adhikara.com/
http://www.adhikara.com/lorenzo-antognetti/index.html

Ha eseguito: Artista e pittore di Genova Lorenzo Antognetti.

Su commissione ha eseguito il rifacimento completo dell'affresco "S. Giorgio e il drago", situato sulla facciata dell'omonimo palazzo sito in Genova.

Il mio lavoro è incominciato con il bozzetto in scala 1:10, basandomi sul quadro che rappresentava la facciata intera del palazzo, fatto dal Poliaghi nel 1912.
Nel quadro vi era apparentato anche l'affresco di S. Giorgio e il drago.
Il bozzetto che mi è stato approvato da chi mi ha dato la commissione, mi ha dato il via libera per realizzarlo in scala reale che ho eseguito all'interno di palazzo S. Giorgio.
Ho fatto costruire poi un'impalcatura di circa 50 mq. con tanti pannelli di legno su cui ho applicato diversi cartoni.
Lì ho realizzato il disegno fatto a carboncino.
Questo mi è servito soprattutto per fare lo spolvero... che ho riportato sulla facciata del Palazzo.
Qui, avendo ora la traccia del disegno, ho cominciato a dare i colori a velature partendo dai soggetti più lontani fino ai primissimi piani.
Per ottenere forma e volume dei vari personaggi e soggetti ho eseguito infinite velature di colore.
Terminata questa fase, dove ho usato i colori al quarzo della litosil, ho passato diverse mani di vernice protettiva, sempre della litosil, per preservare l'affresco dal salino e dagli agenti atmosferici.
Da quando ho iniziato il lavoro, fatto tutto da solo, ho impiegato circa sei mesi, nell'anno 1989.
https://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_San_Giorgio_(Genova)#Il_Novecento

• Collaborazione con la ditta “Tecno Chimica” di Savona per il restauro del grande affresco centrale “Allegoria del commercio dei Liguri” di S. Isola del salone del Maggior e Minor Consiglio di Palazzo Ducale, oltre al recupero di affreschi e decorazioni all'interno e all'esterno del medesimo.
• Collaborazione con la Ditta “Studio Restauri” di Pisa per il restauro dell’affresco di G. D. Fiasella “Storie di Ercole”, nella sede del Partito Socialista (Piazza della Posta Vecchia, Genova).
• Per la Ditta “Eco Restauri” di Genova, decorazioni della facciata di Palazzo Ducale.
• A Savona, per la Ditta “Studio Restauri” di Pisa, recupero degli affreschi originali nella “Cappella Sistina” del Duomo di Savona.
• Per la Ditta “Studio Restauri” di Pisa, per la Sovrintendenza di Pisa, ha collaborato ai seguenti restauri:
§ San Miniato (Pisa), Oratorio del S. S. Crocefisso di San Miniato; restauro dell’intero ciclo (3000 mq ca.) della pittura parietali e della cupola opera di Anton Domenico Barberini, secolo XVIII;
§ San Miniato (Pisa), Oratorio del S. S. Crocefisso di San Miniato; restauro di un dipinto del XVI secolo;
§ Pulitura della statua marmorea attribuita al Ghiberti;
§ Restauro della tela S. Rocco per il Duomo di Lucca;
§ Per il Convento Francescano di Pisa, nella sala della musica: strappi degli affreschi poi restaurati e rimessi in loco, oltre al restauro delle decorazioni e affreschi non staccati. Direzione dei lavori Dott. Matteoni della Sovrintendenza di Pisa;
• Nel 1991 ha collaborato con il pittore A. Caminati alla realizzazione dei cartoni per gli affreschi medesimi per il Teatro Carlo Felice (Genova). Misure mq. 72.
• Presso abitazione privata, restauro degli affreschi dei saloni, attribuiti al Carrega. Centro storico di Porto Maurizio, Imperia.
• Rifacimento completo di 750 mq di decorazioni, fine 800, di Palazzo Manuel. Porto Maurizio, Imperia.
• Ha fatto parte della commissione cimiteriale ed edilizia per il Comune di Genova.
• Ha insegnato pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Viterbo.
• Ha tenuto corsi di “Trompe l’oeil”.
• Ha insegnato pittura presso il Centro “Luigi Capotorti” di Tarquinia (VT).
• Insegna pittura presso l’Associazione Culturale “La Lestra” a Palazzo Bruschi di Tarquinia (VT).
• Ha insegnato Discipline pittoriche nella provincia di Roma (pubbliche e private ).Grafica e fotografia.

Vincitore di numerosi premi di pittura, tra cui:
• 1° premio (concorso nazionale, 1993) per l’esecuzione di un’opera d’arte per il Comune di Taggia, tema “la storia della valle argentina”. Misure m. 4,35 x 3,50; tecniche: affresco, doratura, in tarso ligneo e scultura;
• 1° premio (concorso nazionale, Roma, 1994) per un’opera pittorica per il Ministero dei Lavori Pubblici, Provveditorato Regionale per le Opere Pubbliche per il Lazio;
• Premio acquisto (concorso nazionale, Foggia 1995), 27a edizione premio Arpi Club degli Artisti;
• 1° premio (concorso nazionale, Lecce, 1996), per un’opera pittorica per il Ministero dei Lavori Pubblici, Provveditorato Regionale per le Opere Pubbliche per la Puglia. 2 tele, misure m. 3 x 1;
• 1° premio (concorso nazionale, Lecce, 1996), per un’opera pittorica per il Ministero dei Lavori Pubblici, Provveditorato Regionale per le Opere Pubbliche per la Puglia. 1 tela, misure m. 1 x 1.
• 1° premio speciale “ Omaggio a Augusto Muller” - 41° Premio Nazionale di Arti Figurative” Città di Legnago-Cerea 2004
Mostre e Manifestazioni

1979 Centro Culturale “La Scaletta”. Genova.
1984 Per il Consorzio Portuale di Genova: “Arte Pittura Contemporanea”. Genova.
1985 Le Prigioni “Centro d’Arte”. Genova.
1986 Comune di Chiusi della Verna: “Premio Verna”. Arezzo. Regione Toscana.
1986 Anniversario della fondazione Compagnia Unica fra i lavoratori delle merci del porto di
Genova. Genova.
1986/87 Premio Teglia. Genova.
1984 Nella Antica “Porta Spartana” di Genova: “Mostra sulle tendenze Artistiche in Liguria”. Genova.
1987/88/89 Centro Culturale “Il Melograno”. Genova.
1987/88 1° Premio “Centro Storico”. Genova.
1987/88 Galleria Giordano. Genova.
1988 Centro d’Arte “La Maddalena”. Genova.
1989 Associazione Turismo e Spettacolo di Genova: “Centro Storico di Genova”; 1° premio.
1990 Comune di Genova, “Centro Civico di Sampierdarena”: “Rassegna dell’Incisione Ligure Contemporanea”. Genova.
1990 Associazione “Pegli Flora”: “Artigianato E”. Genova: Antico, Nuovo, “filosofia di Vita?”. Hotel Mediterraneè.
1991/95 Centro polivalente di Enzo Biagio.
1992 Mostra presso la Banca d’America e d’Italia. Genova.
1992 Chiesa di S. Lorenzo. Dolcedo. Imperia.
1993 Centro Culturale “La Promotrice”: Palazzo Ducale. Genova.
1993 “Per i vicoli di Bussana”, Bussana Vecchia, Sanremo.
1994 Comune di S. Lorenzo al Mare: “Artisti italiani e stranieri contemporanei”. S. Lorenzo al
Mare. Imperia.
1994 Performance al Teatro del Duomo. Sanremo.
1994 Sala del Comune di Napoli: “Mostra Nazionale di beneficenza per aiuto ai rifugiati della Ex Jugoslavia”. Napoli.
1995 Valloria: “Manifestazione Internazionale di Artisti”. Tema: “Porte dipinte”. Valloria, Imperia.
1995 Lyons Club, “Colori e Paesaggi della Costa Italo-Francese”, Sala Siccardi. Albenga, Savona.
1995 Comune di Dolcedo: Sale del Comune e Chiesa di S. Lorenzo: Artisti italiani e stranieri, “L’atelier dell’Artista. Dolcedo, Imperia.
1995 “Terza Manifestazione Internazionale di Pittura Contemporanea”, Hotel Des Etrangens.
Sanremo, Imperia.
1996 Collettiva nel Centro Storico di Tarquinia. Tarquinia, Viterbo.
1998 Personale. Centro “Sala Luigi Capotorti”. Tarquinia, Viterbo.
1999 Personale. Associazione Culturale “La Lestra”. Palazzo Brusco. Tarquinia, Viterbo.
1999 Personale. Associazione Culturale “Il Salto”. Canale Monterano, Roma.
1999 Collettiva. Lido di Tarquinia. Tarquinia, Viterbo.
2000 Personale. Sala degli Almadiani. Comune di Viterbo, Assessorato alla Cultura. Viterbo.
2001 Margutta a Tarquinia. Comune di Tarquinia, Assessorato alla Cultura e Spettacolo.
Tarquinia, Viterbo.
2000/01 Personale. Palazzo Bruschi. Comune di Tarquinia, Assessorato alla Cultura e Spettacolo. Tarquinia, Viterbo.
2000 25 ott./4 nov. Festival Internazionale dell’Arte. Caschi Bianchi Europa. Lang Kawi,
Malesia.
2000 27-31 ott. Via Margutta. Associazione Cento Pittori Via Margutta con patrocinio del Comune di Roma, Provincia di Roma e Regione Lazio.
2000 Piazza Mignanelli. Associazione Cento Pittori Via Margutta con patrocinio del Comune di Roma, Provincia di Roma e Regione Lazio.
2001 Il Salotto dell’Arte proposti per il terzo millennio. Comune di Fiorano Modenese, Assessorato alla Cultura. Fiorano Modenese, Modena.
2001/02 Personale a Palazzo Bruschi. Comune di Tarquinia, Assessorato alla Cultura e allo Spettacolo. Tarquinia (VT)
2002 Galleria “Giotto & Company”, “Informale e figurativo”. Vigevano
2002 Galleria “Tropico del Cancro” , gruppo “Valori Plastici”. Bari
2002 Comune di Brindisi, Assessorato alla Cultura. “i Volti della Cultura”, pittura,
scultura. Rassegna dell’arte contemporanea .Casa del Turista, corso Regina Margherita,
Brindisi.
2002 S. Vito dei Normanni. Mostra di Lorenzo Antognetti “Pittura e Natura”. Chiostro
Convento S. Domenico. Associazione Tropico del Cancro.
2002/03 “la Pittura e l’Immagine nella Tendenza Contemporanea” Chiostro S. Francesco, Ostuni
(BR)
2003 22-30 Novembre “Lo Specchio e il Labirinto” La Pittura tra Arte e Moda – Lorenzo Antognetti e GianLuca De Fazi Antica Rocca Porto di Civitavecchia
2004 3 – 11 Gennaio “Lo Specchio e il Labirinto” La Pittura tra Arte e Moda – Lorenzo Antognetti , Paladini Angelo e GianLuca De Fazi Chiesa di S. Pancrazio Tarquinia.

2004 Galleria “La Lestra “ Tarquinia Lorenzo Antognetti e Angelo Paladini

2004 41° premio Nazionale di Arti Figurative “città di Legnago – Cerea”. Mostra dei premiati

2004 ArtMajeur – Virtual Art Gallery – Premio Art Majeur Silver Award 2004

2005 Arena San Marco Tarquinia

2005 Premio Adhikara Art Award

2005 -6 Associazione Culturale La Lestra - Tarquinia

2005 Il galeone- Lido di Tarquinia

2005 Marina Velca - Tarquinia

2005-6 – Aeronautica Militare Italiana “ Circolo Sottufficiali “, Roma

2007 – Mostra a Tarquinia – Centro culturale la Lestra

2008 - 2009 Ho partecipato a mostre e concorsi online Premio Lussemburgo , artrenewal.org

2010 – Personale presso la Pinacoteca Civica del Comune di Fabriano(AN)

2019 - Spoleto arte incontra Venezia

2020 Silver ArtsCad

2022 Varie Mostre con la Galleria, La Merlino Bottega d’Arte di Firenze varie mostre Firenze , Viareggio ,Venezia ecc..

2022 Mostra al Premio Mestre


Claudio Baldassarri
NEL FASCINO DELLA SUGGESTIONE: LE SIMILITUDINI DÌ LORENZO ANTOGNETTI
Was ich erfinde, sind neue Gleichnisse
Ludwig Wittgenstein

Passione per l’arte e la sua storia, per il linguaggio. A fondamento del percorso creativo di Lorenzo Antognetti vi è l’idea che stili e linguaggi, una volta espressi e vissuti all'interno del tempo che li ha prodotti, non siano passati o finiti: per lui possono, rivivificati, tornare ad essere. Reinterpretare ciò che è stato, richiamare segni distintivi di ricerche che hanno sostanziato la storia dell’arte operando contaminazioni tra e rispetto a queste, reinventare le forme: è la maniera nuova, contemporanea ed originale, che l’autore trova per dare corpo alla sua idea di espressione. La formazione solida lo aiuta: Liceo Artistico ed Accademia di Belle Arti a Genova, esperienze formative nell'ambiente artistico ligure prima e laziale poi a Roma e Tarquinia -la rappresentazione di quest’ultima e del territorio che la circonda costituiscono un nucleo importante della sua produzione- l’insegnamento e la grande lezione del restauro in ambito pittorico.
L’educazione alla forma lo guida nella ricerca e ne nutre la voglia di continuare a cercare, sondando le possibilità del proprio dire. In questo senso la mostra propone suggestioni in grado di rendere evidente il cammino creativo di Antognetti, non tanto registrando tappe di un’evoluzione stilistica quanto illustrando declinazioni della fantasia, che si avvale di una salda capacità disegnativa, di controllo del segno ovvero del saper manipolare un linguaggio astratto, in vari casi informale.
Da un punto insignificante, l’immaginazione prende il volo e crea nuove trame, nota August Strindberg ne Il sogno. Così la serie monocromatica dei disegni a penna: sensibilità formale, controllo calligrafico del segno, nuove trame inseguendo un sogno. Poi l’insieme di riferimenti classici e di scenografie surreali, la poesia caravaggesca della candela celata allo sguardo con la quale illumina la serie delle nature morte con fiori. E ancora simboli e simbolismo, surrealismo e realtà, classicità, luce. Infine il colore degli smalti con i quali gioca in bilico tra il Monet che ha dipinto le Nymphéas dell’Orangerie, il Pollock del dripping o il Kandinskij anche Bauhaus, la Carta Fiorentina e gli effetti marmorizzati Arts and Crafts o Art nouveau: il tutto nel sogno della libertà nell’arte.
Arte è fatica, metodo, rigore, capacità di cogliere le sfumature di un tempo determinato -a volte di anticiparlo- sperimentazione, ricerca, ma è certamente dono: di sé, del proprio lavoro, di un mondo interiore che viene offerto alla condivisione. Di ciò credo che si debba essere grati a quanti, contaminandoci con la loro passione, rendono possibili suggestioni destinate a evolversi ulteriormente nel cammino altrui ed a vivere di vita propria. Ciò che io invento sono nuove similitudini, spiega Wittgenstein nei Pensieri diversi: ciò che Antognetti ricerca -con la forza di accostamenti, di citazioni e di strategie formali cui fornisce una ritrovata vitalità- sono nuove suggestioni.
Prof,. di Storia dell'Arte e critico.
Claudio Baldassarri

------------------------------------
Testo critico di WILLIAM TODE
DIMENSIONE ESISTENZIALE NELLA NUOVA
FIGURAZIONE DÌ LORENZO ANTOGNETTI

Figuratività come evocazione di una civiltà
dell’immagine di WILLIAM TODE

Se si vuol portare la comprensione dell’ opera di Lorenzo Antognetti oltre la felice intuizione, il discorso si fa complesso e deve prendere le mosse da molto lontano.
E’ stato Ernst Cassirer, “La filosofia delle forme simboliche “,1931, a cogliere il nascere dell‘espressione artistica, per differenziazione dal linguaggio mitico, ora distintamente ed ora unitamente all’affabulazione, al rituale ed alla magia. Ma è stata 1’allieva di questi, Suzanne Langer, “Sentimento e forma” 1963, a riesaminare il problema di forma e contenuto nei termini empiricamente riscontrabili di “parvenze”, cioè di forme comunicabili e di “peso emotivo “,cioè di esperienze rievocate
Ogni arte si avvale di parvenze diverse, ottenute dando forma a materie distinte.
L’arte, dunque, è una, ma il discorso per avere significato non può prescindere dalle forme ed indirettamente dalla materia-colore.
Le arti plastiche sono quelle nelle quali prevale la dimensione spaziale.
Ciò non significa che il quadro non abbia pure una dimensione temporale, pur se essa è lasciata in larga misura al recettore il quale passa dalla visione dell’ insieme ai particolari, per poi risalire all‘ insieme.
Così io, per i dipinti non Nature Morte” di Lorenzo Antognetti, introduco il concetto di “ spazio virtuale “ il fine di tutte le arti plastiche è di articolare la forma visiva e di presentare tale forma - così immediatamente espressiva del sentimento umano da sembrare carica del sentimento stesso - come il solo oggetto della percezione, o almeno come l’ oggetto primario.
Ciò significa che, per 1 ‘osservatore, 1’ opera di arte non deve essere solo una forma nello spazio, ma un confermare lo spazio, tutto lo spazio che gli è dato.
Lo spazio virtuale, essendo del tutto indipendente e non una area locale dello spazio effettivo, è un sistema in sé conchiuso e totale. Sia esso a due o a tre dimensioni, è continuo in tutte le sue direzioni possibili , ed è infinitamente plastico. E dissertando della pittura “figurativa“ di Antognetti, gli alberi, i bidoni di catrame, le nubi, gli orizzonti infiniti della sua Maremma Etrusca, e i suoi volti e le sue figure lumeggiate da misteriose sorgenti oblique, e i suoi “fiori“ non più fiori oggettivi, opulenti e raffinatissimi, costituiscono tutti improvvise rivelazioni della forma espressiva per una persona dotata di una sapientissima creatività visiva.
Tutti possono essere rappresentati nella sfera virtuale di forme ad intervalli puramente apparenti. Ma non è 1‘ esistenza effettiva dell‘ oggetto o delle cose raffigurate, più giusto evocate, che l‘ artista intende meglio degli altri, nelle sue allusioni fantastiche e simboliche.
E’ la parvenza, di una apparente oggettività naturalistica , 1’ apparire di esso, e il peso emotivo della sua forza, che l’artista ligure , trapiantato ormai in quel di Tarquinia, percepisce , mentre altri si limitano a “leggere“ le targhette del titolo, della sua effettiva natura , restando sul piano della sua realtà effettiva.
Ecco dunque lo “ spazio virtuale” oggettivato, l’ oggettivazione dell’ essere di una natura contemplativa e romantica, analitica e pudica austera e sognante, che si compiace, narcisisticamente, narrare evocare con le forme - colore, precedenti eventi, coriandoli di vita di memoria, di un non vissuto esistenziale che si carica, emotivamente, di precedenti esperienze visive. Da qui la possibilità di un discorso semiologico.
Parlando del “peso emotivo“ dell’ Arte Figurativa preferisco l’ usare il termine “evocazione” , anche perché tale termine dichiara un fatto che non si deve mai dimenticare: che ‘ Arte non ricrea 1’emozione , ma si limita ad essere simbolo di essa. L‘ introduzione dell‘ evocazione come simbolizzazione emotiva, collega il discorso critico ad una dimensione più vasta , che definirei antropologica.
La personalità dell‘ artista crea il messaggio pittorico, fornendo una propria interpretazione della vita e del mondo in cui essa nasce.
Quest’ opera è soggettiva, poiché non si tratta di un semplice “rispecchiamento “ della vita e delle cose esteriori , come hanno teorizzato e favorito i critici marxisti, bensì anche “interpretazione” cioè apporto critico anche se di una categoria del tutto distinta dalla critica scientifica . Fra la pittura “ astratta “ e “ pittura figurativa vi sono assai più forme di transizione che non fra musica e poesia , ma ciò non incrina il giudizio di convenienza.
La contrapposizione è significante quando è a qualche cosa di accettato
Quando dico “ musica atonale “ dico anche” musica - post tonale”.
Una musica “seriale“ che fosse sorta autonomamente e non per contrapposizione, avrebbe una rilevanza semiologica diversa. Una lettura critica della ricerca artistica e del linguaggio “figurativo” di Lorenzo Antognetti mi deve portare ad analizzare sia il versante antropologico ed anche quello semiologico del suo contenuto simbolistico e formale.
Nel caso dei pittori fortemente innovatori come, per esempio, El Greco, può nascere il pregiudizio di un vizio di forma analitica, per quegli artisti con accentuati risvolti antropologici, come è nel caso di Antognetti .
L’ antropologia di Antognetti è antropologia del profondo.
Un inconscio ove non si trovano solo istinti, la cui espressione è stata rimossa dalla coscienza, bensì e soprattutto la matrice della coscienza, dalla quale prorompono germi di nuove possibilità di vita. Siamo quindi lontani dai surrealisti, le midolla dei quali sono intrise di psicoanalisi freudiana ed i cui sogni sono incubi ed ombre. Siamo, piuttosto, vicini alle concezioni di Jung, per cui si deve procedere al di là dell’ inconscio personale, verso l‘inconscio collettivo, cioè le tracce che ritroviamo nella mente di tutti gli uomini , create dal processo mentale dei nostri antenati. Ogni esperienza artistica particolarmente eccezionale è tale in quanto viene a riempire un inconscia traccia originaria
Lorenzo Antognetti ha, però, costruito i propri “ archetipi “ attraverso un travaglio personale, cioè attraverso una serie di esperienze con pretese di eccezionalità, e non attraverso un programma.
La ricerca di Lorenzo è stata un processo interiore, che ha trovato spesso un filo conduttore nel “mito della classicità“, della grande tradizione museale.
Qui vi ritroveremo quegli stimoli estetici e formali che hanno portato l’artista a maturare delle scelte artistiche impregnate di un impressionante “mestiere di antica bottega” che ce lo rivela “Maestro“, nel filone di quell’ Arte Colta Museale da cui ha tratto nutrimento ed ideali.
Per certi versi mi riporta alla mente il fare di De Chirico, quello, per intenderci, delle “Piazze d’ Italia“ , non certo quello “ barocco “ e retorico e ampolloso degli ultimi decenni.
Nell'artista ligure convivono, sapientemente miscelati, lo spirito spaziale plastico di un Caravaggio, per i dinamismi intensamente drammatici dei panneggi che hanno una poderosa valenza formale e, soprattutto, quelle atmosfere intimistiche dei “fiamminghi”, con il loro magico occhio naturalista e narrativo, i pittori delle Fiandre con la loro visione analitica, sospesa tra oggettività immanente e metafisica simbolistica, allusiva.
Ho parlato di “fiori e nature morte“ che sono solo una ombra del trascorso oggettivato ed immanente, nella creatività di Antognetti; di fatto, queste sue composizioni ‘floreali “non sono altro che un pretesto figurativo per annotare e definire elementi grafico - pittorici permeati di luminescenze interiorizzate che vivono, quasi, di una luce mistica riflessa. E’ la stessa luce “teatrale di “scena” che fu la grande rivoluzione luministica - plastica di un Caravaggio, uomo di “teatro “, lui stesso protagonista principe di una tragica ed epica pagina di “diario” di un quotidiano vissuto sinistramente.
La “luce”, energia che modella i corpi e delinea le forme microscopiche di mute essenze timbriche e molecolari, informa di sé tutta 1‘ essenza ed il contesto pittorico delle composizioni di Antognetti , che hanno la potenza evocativa e descrittiva dei Maestri che hanno fatte grande 1‘Arte nei secoli.
Il linguaggio dell’ artista ligure oscilla magicamente e subdolamente tra i meandri di un ipotetico “classicismo“ e di un “accademismo“, che, di certo, rappresentano gli antipodi dell’ autentica arte, ma che in lui, acquistano un vigore sconosciuto e nuovo, per quella spazialità titanica ed assoluta, che mi riporta alla mente i silenzi “parietali” di un Piero della Francesca, e il fermento dinamico - plastico della spazialità di un Boccioni.
Già, pare una folle licenza, questa mia, se si guarda superficialmente alle opere del nostro, ma se si comprende appieno il significato sotteso delle componenti compositive e dinamiche di tutte le grandi composizioni pittoriche, ed anche di certi paesaggi dai vasti squarci di orizzonti infiniti ma di silenzi attoniti , si comprenderà, quasi con sgomento e stupore, che ci troviamo dinanzi ad una proposta innovativa di una “nuova figurazione“, del tutto libera dai lacci evocativi di un passato remoto che seppure fondamentale per la civiltà della cultura, oggi, non può essere preso a modello e archetipo per le nostre istanze estetiche e artistiche.
In questo verte 1‘ originalità e la valenza della pittura di Lorenzo Antognetti, artista nuovo.
Di fronte ad una società sempre più idolatra di quel nuovo vitello d‘ oro che è 1‘ automa d‘ acciaio ed il consumismo e l‘ economia di mercato della mondializzazione, non vi sono che tre vie: la fuga, il riparo nella trascendenza e la ricostruzione dell‘ immanenza.
La risposta fondamentale di Antognetti è la terza, che è anche la più ardua, quella di una ricostruzione dell‘ immanenza, che resti però aperta alla trascendenza.
Risposta non scevra di pericoli, poiché può condurre eclettismo. Pericoli che possono essere elusi soltanto da quegli eventi eccezionali, che io chiamo “illuminazioni“, il che è avvenuto in Antognetti, che ha elaborato nel profondo della sua coscienza un più religioso approfondimento della qualità della Natura e delle cose del Creato.
L‘Arte che parla di DIO, per l’uomo geme ; l’Arte che nomina 1‘ UOMO , per Dio langue .
A questa illuminazione se ne affianca un ‘ altra prometeica., per cui, non sono gli spiriti del cielo o dell‘inferno che dominano la natura fisica, ma l‘ anima e lo spirito che sono in lui , celati come il fuoco è celato nella selce.
E’ soprattutto la conoscenza che integra l’ AMORE.
Il figlio Leonardo, archetipo dionisiaco che ci giunge dai languori ellenistici, per Pitagora e per gli Gnostici, che è reinterpretato come capacità di trasformare il mondo e non come pura contemplazione.
Così come l‘ albero del bene e del male a cui si rivolge Paul Valéry “...tu puoi respingere 1 ‘infinito / che è l’effetto di tua crescenza , / e della tomba sino al nido / sentirti la conoscenza ...“.
Il segno di un vero mito è il suo potere di apparire ai propri creatori come verità letterale, anche di fronte alle più forti prove in contrario e a sfida di qualsiasi argomento.
Il mito ha l‘ apparenza di una così sacrosanta verità, che chiedere in che senso sia vero, o chiamarlo figura del linguaggio, e distruggere un mito significa distruggere un’ idea nella sua fase primitiva, nei momento stesso in cui balena nella mente di qualcuno.
Si tratta, quindi , di collocare forma e colori in guisa da costruire uno “spazio virtuale” capace di evocare un ‘esperienza entro la quale si aggiunga ad un linguaggio che sia, ad un tempo, pensiero, impresa perigliosa in quanto è necessario eludere opposti scogli , che anche talenti non comuni non hanno sempre saputo eludere.
Si pensi ad un Blake ,nella cui “opera“ il “pensiero“ è spesso troppo scoperto, ed ad un Moreau, con i suoi non rari cedimenti alla sensualità del simbolo. L‘ astrazione ha acquistato una sua piena autonomia e la figuratività viene rivisitata , come in Antognetti, che ha saputo esprimersi ad alti livelli espressivi e formali tesaurizzando l‘ immagine fenomenica come leit – Motiv conduttore del suo sinfonismo pittorico, che privilegia le atmosfere crepuscolari, interiorizzate di una solarità pervasa da una dolce malinconia in cui la “nostalgia” si carica di una emotività esistenziale e lirica.
Vi è certo nella musicalità delle forme e dei colori delle opere più compiute di Lorenzo una tentazione di canto: il pericolo che l’ elemento portante siano le forme ed i colori per se stessi e non come mezzo di evocazione. Così nella musica lirica le parole vengono riassorbite dalla musica. Ma, nella più parte dei casi, la musicalità si arresta ad un limite che si potrebbe paragonare al “canto fermo “: la modulazione di forme e colori gravita intorno alla evocazione di una natura fastosa nelle sue cromie ove la dominante rossa determina la stessa tonalità “maggiore “dando ad essa pienezza di vita.

WILLIAM TODE

Gefunden: 118 Bild(er) auf 6 Seite(n). Angezeigt: Bild 101 bis 118.
Dentro e fuori - Lorenzo Antognetti
Dentro e fuori - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
L'Attesa - Lorenzo Antognetti
L'Attesa - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Perla -  Lorenzo Antognetti
Perla - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 3
Profumo Antico - Lorenzo Antognetti
Profumo Antico - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Anna - Lorenzo Antognetti
Anna - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Caravaggio Copy (1992) Lorenzo Antognetti
Caravaggio Copy (1992) Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Paesaggio of Tarquinia - Landscape (1999) Lorenzo Antognetti
Paesaggio of Tarquinia - Landscape (1999) Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Leonardo - Lorenzo Antognetti
Leonardo - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 18
My child (2000) Lorenzo Antognetti
My child (2000) Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Althea - Lorenzo Antognetti
Althea - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Without Time - Lorenzo Antognetti
Without Time - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Notes of depth in flight work n.6 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.6 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Notes of depth in flight work n.5 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.5 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Notes of depth in flight work n.2 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.2 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Notes of depth in flight work n.4 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.4 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Notes of depth in flight work n.3 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.3 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 1
Notes of depth in flight work n.2 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.2 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 0
Notes of depth in flight work n.1 - Lorenzo Antognetti
Notes of depth in flight work n.1 - Lorenzo Antognetti
(lorenzo.antognetti)
Lorenzo Antognetti
(Top Bilder)
Kommentare 7

« Erste Seite  «  ...  2  3  4  5  [6]  

 

   

Impressum Kontakt News Gästebuch Unser Banner

Senden Sie Ihre E-Mail mit Fragen oder Kommentaren zu dieser Website an: Webmaster@Artgalerie-Deutschland.de
Copyright 2000-2020 Artgalerie-Deutschland und teilnehmende Künstler

Durchsuchen Sie das Internet:

Google
 
Web www.artgalerie-europa.de



Premium-Partner: